Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


martedì 8 gennaio 2013

Una famiglia e un popolo, alla ribalta della Storia

È la volta di "Senza patria" di Cesar Balaban. Cesar Balaban è armeno, ma è nato e ha quasi sempre vissuto ad Aleppo, in Siria, un luogo ora così dolorosamente protagonista nei notiziari da più di un anno. Balaban vive e lavora in Italia da molto tempo. Questa autobiografia è un'ottima occasione per conoscere come si viveva nella Siria del secolo scorso, e la storia di un popolo da sempre perseguitato.


La copertina del libro

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=660516
---
La narrazione che si snoda in questo libro di Cesar Balaban, che sarebbe limitante chiamare sia romanzo sia storia autobiografica, assomiglia alla tessitura di un tappeto orientale, composto da ventiquattro capitoli come perfetti riquadri. O, se vogliamo accentuare l’aspetto fiabesco di cui spesso sono intrise le storie provenienti dal Vicino o Lontano Oriente, come una lanterna magica dalle molte figurine che s’avvicendano. Sono molti dunque gli aspetti che compongono questo romanzo, di grande valore sia come testimonianza che come narrazione, il primo dei quali è il messaggio che l’autore credo ci voglia offrire: e cioè che, al di là dei contrasti di popoli, etnie, religioni, la mescolanza comunque significa ricchezza.

Tenda rossa da un monastero di armeni di Santo Etchmiadzin, Armenia, anni 1789
Immagine tratta dal sito http://it.123rf.com/

Mi piace però in questa sede soffermarmi su un aspetto che forse non balza agli occhi immediatamente, e cioè la grande importanza che “i dialoghi”, il parlato, lo scambio, rivestono nella narrazione. Il protagonista bambino è intento ad andare a ritroso alla propria storia, che è anche la Storia di un popolo, e lo fa investigando i due rami dei nonni paterni e materni, e i suoi personali ricordi di ascolto delle conversazioni tra gli adulti. Attraverso il suo sguardo, ora candido e infantile, ora più smaliziato, la narrazione assume a tratti gli accenti surreali e gustosi di una commedia popolare (oserei dire, alla De Filippo). Questo avviene grazie appunto a dialoghi e battibecchi dai tempi tecnici perfetti, in cui gli attori giocano ognuno un ruolo ben preciso.

Quindi abbiamo la figura del nonno paterno pragmatico e mercantile, della nonna materna dolcissima e avvolgente, dall’altra nonna, la formidabile Arussiagh la cui parola era legge, dello zio Levon destinato a rompere l’equilibrio degli schemi familiari, dello straordinario padre, rispettato per la sua sagacia dai musulmani dell’Eufrate e della stessa Aleppo, della madre tenera e intelligente… La sensazione di essere coinvolti in una pièce di teatro, o che potrebbe diventare tale, viene accentuata dalla minuzia nel descrivere gli ambienti domestici – mobili, cuscini, lampadari, profumi… – che servono da quinta alla scena, ma anche altri ambienti ugualmente affascinanti, come l’hammam o il mercato delle stoffe di Aleppo.

La Storia, abile regista, affastella i suoi oggetti di scena, mette in campo i suoi scambi tra le voci recitanti. Tutto, cose e persone, risulta intriso ed investito dalla luce della memoria e dell’affetto familiare, e dalla consapevolezza che la terra di origine, l’Armenia, è sì magica, come in una fiaba o in un teatro, ma anche poco conosciuta, drammatica e dolorosamente lontana. E che va riconquistata e fatta conoscere anche con un libro: questo. Cesar Balaban c’è riuscito, e a lui va il nostro grazie. 

Yerevan, Armenia
Immagine tratta dal sito http://oursurprisingworld.com/armenia-yerevan/
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Maigret e le donne fatali" di Georges Simenon