Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


mercoledì 4 dicembre 2013

Naviganti smarriti nell'impero dei demoni

Vladimiro Forlese non è solo un fine ed intenso poeta (e chi mi conosce sa che non esprimo mai concetti per piaggeria, ma perché li sento davvero - o altrimenti mi taccio), ma anche un ottimo romanziere, e lo dimostra con questa sua prima opera narrativa, Alpha Ursae Minoris, pubblicata ora con la casa editrice Montecovello. Alpha Ursae Minoris non è altro che il nome latino della Stella Polare, sin dall'antichità guida dei naviganti su mari pericolosi e sconosciuti,  in epoche dove non esistevano navigatori satellitari ma nemmeno l'ago della bussola. Perché un nome latino per un romanzo che in realtà è un attuale atto di denuncia politica, sociale e civile? Lo vedremo alla fine, ma già da questa scelta possiamo capire il taglio originale che l'autore ha voluto dare alla sua opera. Questa è strutturata in tre racconti, che si richiamano e si intersecano tra loro sia attraverso gli eventi sia attraverso i personaggi. Ciascuna delle parti ha il compito di offrire un diverso punto di vista della stessa storia, anche con i vissuti dell'infanzia e adolescenza dei protagonisti, per presentare non solo più sfaccettature, ma anche approfondire la visuale interiore.

La copertina del romanzo
Ambientata negli anni '90 in alcune città del nord Italia, riconoscibilissime per le loro inconfondibili caratteristiche nonostante venga data solo la prima lettera del nome, la storia prende l'avvio dal ribaltamento di un camion sull'autostrada del Brennero. Il mezzo contiene rifiuti tossici che riveleranno dapprima alla giovane magistrato Di Simone e al direttore di giornale Alberto Gasperi, poi ad una compagine di altri giornalisti, l'esistenza di un traffico internazionale collegato con la Russia. Non solo, ma la ragnatela, nel corso della narrazione, si rivela essere sempre più ampia e vischiosa, e svela come chi tiri le fila sia posto molto in alto, negli apparati politici, militari e imprenditoriali italiani. Là, oscuri personaggi mirano a smantellare lo stato democratico, sia attraverso il controllo dei media sia attraverso l'appiattimento delle coscienze e l'omologazione culturale. Lo scopo è quello di instaurare un regime che, davanti all'opinione pubblica, assume una faccia rassicurante e perbene, scandito da slogan volti a promuovere un mondo soporifero e artificiale in cui tutto va per il meglio e in cui i burattinai continueranno indisturbati nei loro traffici, lasciando poche, illusorie briciole.

Dietro le quinte, dunque, si muove un mondo corrotto, decrepito e marcio, in cui si combatte per il potere con ogni mezzo, con la rapidità e l'astuzia, la protervia e l'arroganza di chi vuole mantenerlo e aumentarlo, ma non solo: si dispone delle vite altrui, manipolando e asservendo chi può essere utile allo scopo, come alcuni tipi di giornalisti-cortigiani, o prendendosi per il proprio piacere i membri più indifesi della società, i bambini. Davanti a questo consesso di demoni, perché questi mi sono venuti in mente leggendo il romanzo, l'uomo comune, che in questo caso è anche il lettore, si sente impotente e abbandonatoo. L'espressione latina "homo homini lupus", "l'uomo è un lupo per l'uomo", risorge dal passato, ci ricorda la sua attualità. Alberto e gli altri protagonisti - moderni, comuni eroi, giovani o attempati, di mediocre aspetto o avvenenti - combattono la loro battaglia e vanno incontro al loro destino. In ciò consiste la grandezza dell'eroe, non in altro: sapere che cosa lo aspetta, averne paura, e nello stesso tempo affrontarla. E ognuno di loro, difatti, paga un prezzo molto alto rispetto alla decisione presa.

The Eclipse of the Sun 1926 - George Grosz
Oil on canvas  - 207.3 x 182.6 cm
The Heckscher Museum of Art, Huntingdon, New York
© Estate of George Grosz/Licensed by VAGA, New York
Il romanzo Alpha Ursae Minoris non è per nulla consolatorio; anzi, è amarissimo, soprattutto perché presenta lo spaccato di una società, quella italiana, devastata dallo scempio della malversazione, dallo scherno nei confronti della cultura, dall'esaltazione della rissa e dell'odio, dal soffocamento delle poche voci libere, dalla sedazione collettiva delle coscienze. Una fase da cui non siamo ancora usciti. Comprendiamo come la Stella Polare di antica memoria, che ancora brilla nei nostri cieli e che dà il titolo al romanzo, sia precisamente quella che abbiamo smarrito. E la sua perdita è tanto più dolorosa in quanto non ci lascia maggiormente soddisfatti e bastevoli a noi stessi, ma più incattiviti, aridi, rabbiosi. La vittoria dei demoni consiste proprio in questo: nel renderci come loro, per vivere il loro grado di inferno e di infelicità, subito, su questa terra. E allora, anche noi dobbiamo e possiamo dire come fa il combattivo giornalista Luca nella chiusa del romanzo, osservando il cielo senza trovare la nostra Alpha Ursae Minoris: "Forse bisogna ricalcolare tutto."  

----
Il link alla casa editrice e alla scheda del libro è il seguente: http://www.montecovello.com/libro/au/EITVJXCOCZ/alpha+ursae+minoris
Share:

4 commenti:

  1. Grazie, Cristina! Ancora una delle tue coinvolgenti recensioni. E grazie a Vladimiro Forlese per aver scritto un ottimo romanzo, che offre preziosi spunti di riflessione assieme a una scrittura sapiente e bella...

    RispondiElimina
  2. Cara Cristina, grazie come sempre per le tue ammirevoli recensioni. Personalmente mi sento di aggiungere che il romanzo di Vladimiro Forlese, che ho letto con immenso piacere, è veramente molto intenso, indubbiamente amaro, ma carico di una particolare carica emotiva capace di coinvolgere lungo l’intera lettura e di attivare riflessioni profonde. Eccellente anche la scelta di accostare l’immagine de L’eclissi del sole di Grosz, artista espressionista che guardando dentro di sé trova l’angoscia e guardando dentro gli altri vede la bruttura mascherata dall’ipocrisia borghese. Il dipinto rispecchia appieno tutta l’aggressività e la sicumera dei loschi protagonisti che, come i protagonisti del romanzo di Vladimiro Forlese, attraverso il dio-denaro e la violenza mascherata, sanno di poter dominare il mondo intero.

    RispondiElimina
  3. Cristina, che dirti?Se non fossi io l'autore del romanzo, grazie alle tue coinvolgenti e appassionate parole, sarei spinto a leggere il libro. Sei riuscita a cogliere il senso "politico" oltre che letterario del mio romanzo, cogliendo sin nei particolari la specificità dei singoli personaggi, l'ambientazione e la loro credibilità umana e sociale. E poi, la tua scrittura, impreziosisce il mio lavoro e mi dà stimoli per proseguire narrativamente la mia ricerca tra gli impervi sentieri della realtà. Grazie, ti sono grato e riconoscente. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti per i vostri commenti, e ricambio l'abbraccio di Vladimiro. Come dicevo nell'apertura della recensione, il merito è tutto dell'autore che ha scritto il libro. Il romanzo è piuttosto complesso grazie proprio al gioco dei tre racconti che si richiamo, e certo non si esaurisce con la lettura che ne ho fatto. Oltre a quello che è già stato detto, e l'abilità con cui è stata resa la vicenda politico-giornalistica, a me hanno colpito molto anche gli inserti personali dei protagonisti, ad esempio la 'voce' che parla con Luca. Arricchiscono molto la narrazione.

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Belgravia" di Julian Fellowes