Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 11 gennaio 2014

I Crudeli - Il Castello-Magia e la Torre Proibita 15.

The Demon (1909) di Mikalojus Konstantinas Ciurlionis
Seguita dallo sposo, Lyra scese le scale e corse fuori, con le lunghe maniche del vestito svolazzanti, che la rendevano simile ad un uccello in procinto di spiccare il volo; fece un tratto di strada, giù per il sentiero – così come le aveva consigliato di fare Aldebaran per ammirare meglio il castello. Poi, giunta al limitare della foresta, sostò, si voltò e guardò. Rimase immobile, muta per l’ammirazione, tenendo le mani intrecciate in grembo e le maniche del vestito, quiete come ali d’uccello ripiegate, non più in procinto d’alzarsi in volo.

Il Castello-Magia aveva, alle spalle, un anfiteatro di monti, e sembrava non solo essersi adattato magnificamente alla montagna che gli faceva da cornice, ma pareva sorgere dalle sue asperità come altra bellissima vetta o, poiché il vivido sole montano lo colpiva e ne esaltava la bellezza, brillare simile a pietra preziosa incastonata in una corona. Come la fortezza massiccia di Fomalhaut rispecchiava il suo padrone, anche il castello alto ed elegante dinnanzi ai suoi occhi ricordava Aldebaran: le torri svettavano nel cielo, chiuse alla sommità da copricapi conici, snelli come code di rondine, belle merlature ornavano gli spalti e numerose, ampie finestre occhieggiavano nei muri dando luce all'interno.

“Procediamo girandovi attorno,” le propose Aldebaran, porgendole la mano guantata ed accompagnandola. Nell'aggirarlo, il castello rivelava, infatti, altre torri ed altri giri di mura, che si alzavano, si snodavano, e quasi si congiungevano alla roccia della montagna, e mostravano come fosse più grande e tortuoso di quanto non sembrasse ad una prima occhiata. Nell'ala est, un’edera rigogliosissima copriva gran parte delle mura e, sotto di esse, Lyra ritrovò, ancora una volta, sotto l’aspetto di torrentello burrascoso, il grande e maestoso fiume dalle Acque Profonde che avevano seguito e li aveva condotti fin lì, ora allo stadio della sua infanzia. Pareva, il Castello-Magia di Aldebaran, offrirsi allo sguardo della sua signora perché ella lo ammirasse e se ne sentisse fiera. 

***

City (Towers) - 1906
di Mikalojus Konstantinas Ciurlionis
“Devo chiederti una cortesia, Lyra,” le disse Aldebaran quel giorno, mentre pranzavano al lungo tavolo della sala da pranzo, dopo aver concluso una prima visita all'esterno del maniero. “Sei libera, naturalmente, di muoverti in ogni più remota stanza di questo edificio e nei territori di cui sei signora. Ti prego solo di non salire, senza il mio permesso, nel torrione circolare rivolto a Nord.” Fece una pausa, continuò: “Non c’è niente di particolare, là, ma io vi studio e pratico la magia e, quale figlia di Mira, dovresti sapere che potrebbe essere pericoloso, ad un estraneo, l’accesso nella stanza d’un mago... a causa delle forze ivi contenute.”

Volgendo lo sguardo verso la costruzione menzionata dallo sposo, attraverso la finestra che s’affacciava proprio su di essa, Lyra diede un’occhiata al massiccio torrione circolare ingrigito dalle intemperie – temporali avevano scatenato i loro fulmini attorno ad esso, piogge scroscianti avevano flagellato le sue mura, ed il ghiaccio degli inverni s’era incrostato fra quei mattoni – quasi privo di finestre, con un tetto conico dalla punta mozza, collegato al resto del castello da un ponte di legno sospeso su uno strapiombo irto d’una foresta d’abeti dalla punta aguzza, che non invitava a valicarlo. Il torrione sembrava fosse stato costruito in un secondo tempo, tanto era diverso, per architettura, dal resto: avrebbe potuto appartenere al Castello-Fortezza di Fomalhaut, come fosse stato staccato e portato in volo fin là.

Era lugubre e poco invitante e non l’incuriosiva affatto, così Lyra promise senza difficoltà di obbedire al desiderio di Aldebaran. “Al momento opportuno, ti condurrò io stesso alla Torre della Magia, cosicché il castello non abbia più segreti per te,” aggiunse Aldebaran, sorridendole dietro la sua coppa cesellata e ricolma di vino, ricca di riflessi.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Belgravia" di Julian Fellowes