Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 15 marzo 2014

I Crudeli. - Ospiti graditi... e sgraditi 24.

Sotto alcune tende, rizzate per l’occasione, il sovrano degli Innocenti col suo seguito era accampato nello stesso luogo in cui la principessa Lyra aveva contemplato, per la prima volta, la Conca di Smeraldo. Anche re Altair aveva dovuto percorrere a piedi la faticosa salita, fermandosi di tanto in tanto, respirando forte ed appoggiandosi al figlioletto Deneb come a un bastone. Ed anch'egli, una volta giunto alla sommità, aveva deciso di sostare brevemente, riposare ed ammirare al contempo il paesaggio, e con passo incerto era andato a sedersi su un sasso che gli sembrava avere un aspetto invitante, con la sua forma di liscia poltrona. I servi erano accorsi a stendere sul capo canuto del loro signore una tenda provvisoria a ripararlo dal sole e, da lì, egli aveva scribacchiato un messaggio a Lyra, onde avvisarla dell’arrivo inaspettato.

Saint Pantaleon the Healer di Nicholas Roerich (1916) - Tretyakov Gallery, Moscow, Russia

Egli, ora, sedeva sulla sua sedia di fortuna, e in quella dolce, tiepida giornata autunnale, contemplava il paesaggio: la Conca s’apriva davanti al re in tutto il suo splendore, ed era come calarsi, con l’occhio, in un immobile incendio di foglie ed erbe gialle, rosse ed arancioni. Ai lati, egli coglieva i raggi del sole che aureolavano di luce, senza offendere l’occhio, le chiome degli alberi: erano talmente luminose e trasparenti da sembrare sul punto di dissolversi. Sul terreno accanto a lui, l’erba era esaltata dal sole in lunghe strisce, così da potersi contare persino i fili più piccoli. Non transitava una sola nuvola nel cielo terso di settembre e l’aria era limpidissima; così, egli non ebbe alcuna difficoltà nel riconoscere, nella donna che cavalcava attraverso la Conca di Smeraldo con la sua piccola scorta, e poi saliva verso di lui, la sua stessa  figlia Lyra.

***

"È stata un'imprudenza venire qui." "Sì, in effetti tua madre non voleva lasciarci andare. Temeva che re Fomalhaut potesse prendermi in ostaggio, e liberarmi dopo il pagamento d’un congruo riscatto; e men che meno voleva che io portassi tuo fratello. Ma i doni recati sono stati sufficienti a fargli cambiare idea, se mai l’avesse avuta.” Re Altair sedeva placidamente nella sala da pranzo del castello, reggendo una coppa dorata colma di vino, che stava sorseggiando ormai da molto tempo. Il vecchio re si stringeva addosso un mantello orlato di pelliccia che lo riparava dall'umidità autunnale delle montagne, cui non era avvezzo, e godeva del calore del fuoco acceso nel grande camino della sala. Alla vista del piccolo Antares, recatogli dalla balia, la fisionomia del buon re si era tutta rischiarata ed egli aveva sfiorato, commosso, le gote lisce e tenere del bimbo con le sue dita incerte. Aveva poi guardato a lungo quella fisionomia, con occhio pensieroso come se vi intravedesse qualcosa, infine aveva scosso il capo con un sorriso.
Glory to the Hero di Nicholas Roerich (1933)
Nicholas Roerich Museum, New York, USA
http://www.roerich.org/index.php
Anche Deneb aveva voluto toccare il nipotino, ed ora, cullandolo fra le braccia con serietà, andava su e giù per la grande sala, fermandosi, di quando in quando, ad osservare le grandi corna e le zanne di animali uccisi, appese alle pareti. 

“Il re dei Mistici ha preso in sposa la principessa Cassiopea, Lyra. Entrambi ti mandano i loro saluti e sperano di poter avere presto, pure loro, un piccolo erede”. Pensierosa, Lyra chinò la testa, la malinconia le velò il viso; accanto al fuoco, l’ombra delle lunghe ciglia s’allungò sulle gote. “Che c’è, bambina mia?” Re Altair depose la coppa e si curvò verso di lei. Chiese: “Ti dispiace che Regolo, il tuo antico corteggiatore e amico, abbia preso anch'egli una sposa?” “Oh, no, no,” rispose ella scuotendo la testa. Il vecchio re le mise una mano sotto il mento e le alzò il viso: “Non sei felice, qui, nella tua nuova terra? Il principe Aldebaran è scortese con te?” “No, no,” protestò ella vibratamente. Di tutto avrebbe potuto accusare lo sposo tranne che di mancarle di rispetto, visto l'atteggiamento di gelida cortesia che teneva nei suoi riguardi. A suo figlio Antares egli non prestava alcuna attenzione, come se lo ignorasse; eppure la giovane aveva l'impressione che, al contrario, lo stesse osservando senza parere, come il predatore sorveglia la preda nell'oscurità.

Aprì la bocca e fece per rivelare i timori e i sogni che la tormentavano, quando un passo risuonò sul pavimento di pietra, fuori dalla porta, e, dopo qualche istante, Aldebaran in persona fece il suo ingresso. Alla vista del suocero e del piccolo cognato, annunciatigli dai servi, egli sollevò il sopracciglio destro... ma accolse con calore gli ospiti inaspettati.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Autunno del Medioevo" di Johan Huizinga