Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 31 maggio 2014

I Crudeli. - Sopra le acque notturne. Il Pentacolo di Aldebaran 33.

Evening di Mikalojus Konstantinas Ciurlionis
(1904-1905)
La luna faceva scendere la sua luce sulle acque del fiume, come una donna che, con entrambe le mani, allarga una splendente veste bianca. Il fiume cantava una canzone sempre uguale, placida e sonnolenta, e le acque si muovevano, sorreggendo e quasi facendo lievitare la barca legata a riva, rompendosi contro la chiglia in riflessi biancastri, e in macchie blu viranti nel nero. La luce della torcia, accesa a prua, si specchiava di sotto e là fluttuava, liquida.

A bordo dell’imbarcazione, il traghettatore del servizio notturno era assopito, cullato da quel mormorio, ma si scosse nel sentire il fogliame frusciare alle sue spalle; allertato, pensò ad un animale selvatico in caccia o a un brigante, e la mano corse veloce al bastone.

Vide, invece, apparire una donna con un fagotto legato alle spalle, e fu così stupito da scambiarla per una Silfide dell’aria, gentile nume che avesse smarrito la strada del Primo Regno. Poi la donna gli rivolse la parola, e lo fece con voce umana, di comando misto a preghiera, scuotendolo dal suo stupore. “Salute a te, signore. Occorre che tu mi conduca fino alla prima curva del fiume,” disse e, al contempo, allungò verso di lui una piccola, morbida mano. Prese quella, grande e callosa, dell’uomo e vi pose una moneta d’oro. Il barcaiolo sgranò tanto d’occhi, richiuse la mano e con l'altra si levò il cappello dal capo.

“Ne avrai un’altra alla fine del tuo servizio,” aggiunse la giovane. “Inoltre, puoi prendere il cavallo sellato ed imbrigliato, che ho legato a poca distanza da qui, nella foresta,” aggiunse, con una nota di tristezza nella voce. Prontamente, il barcaiolo aiutò la donna a salire, la fece sedere – ella si liberò del suo fagotto, che depose con cura sul fondo della barca – sciolse gli ormeggi e si mise ai remi. Dopo un attimo d’esitazione, la barca scivolò via, rapita dalla corrente del fiume.

***

Il barcaiolo remava senza fatica, la barca scivolava veloce, e la corrente del fiume l’assecondava nel suo moto. Le foreste ai lati erano macchie d’inchiostro, ma, nelle zone prive di alberi, la luce della luna era così forte che si sarebbe potuto vedere la corsa d’uno scoiattolo sul ramo di un albero. Né l’uomo né la donna parlavano, ed il silenzio era rotto solo dal rumore del remo che si tuffava nelle acque, ritmicamente, e dallo stridio di qualche uccello notturno intento alla caccia.

“Mi sbarazzerò di Lyra non appena tornato al castello,” disse, d’un tratto, la voce di Aldebaran. Egli era voltato verso la finestra affacciata sul fiume, ed aveva il cappuccio del mantello abbassato sulle spalle e le braccia incrociate sul petto. “È tempo che Antares dipenda da me in tutto e per tutto,” aggiunse. Eccitatissimo, il re dei Crudeli si rizzò dal letto, appoggiandosi ad un gomito. “Dalla a me,” reiterò, e la mano prese a carezzare le coltri sottostanti, quasi vi fosse il corpo della cognata, pronto a soddisfare le sue brame; gli occhi brillavano d’una luce lubrica; le sue labbra tremavano perfino. “Ti farò accompagnare al castello da un gruppo di armigeri, che la prenderanno in consegna e la porteranno qui.” “Sarà ben custodita? Potrò inscenare la sua morte e dare ai sovrani del Primo Regno una versione credibile?” chiese Aldebaran, e Fomalhaut annuì.

Il Mago del Nord si staccò dalla finestra, e mosse alcuni passi nella stanza, ma il suo sguardo non era rivolto al fratello, bensì a qualcosa che pareva percepire nell'aria. Alzò la mano in direzione di Fomalhaut, gli comandò di non parlare; quindi, trasse il Pentacolo di zinco dal petto e lo strinse nella mano, chiuse gli occhi e si concentrò.

Fairy-Tale. Journey of the Princess - Tavola I
di (1907) Mikalojus Konstantinas Ciurlionis
In lontananza, apparve la temuta sagoma del Castello-Fortezza di Fomalhaut, imbiancato dalla luce lunare quasi una colata d’argento si fosse rovesciata su di esso e sullo spuntone di roccia, ed alla principessa parve un enorme uccello da preda accovacciato, la testa immersa in un collare di piume, ma pronto a spiccare il volo e a ghermirli... e Lyra pensò, di colpo, che ignorava dove Aldebaran si trovasse in quel momento, e che forse il Mago del Nord era proprio là, fra quelle mura, a poca distanza, ed il terrore l’agghiacciò al punto da farle battere i denti.

La barca si muoveva sull'acqua, nel suo moto irresistibile, e la giovane trattenne il fiato quando furono sotto le mura del castello, desto e vigile, con la luce delle torce che illuminava le feritoie. Un grido si fece udire dagli spalti – il cuore di Lyra ebbe un tuffo, e i suoi occhi gettarono uno sguardo al fagotto immobile ai suoi piedi – ed il barcaiolo alzò la mano, in segno di saluto, verso la guardia. Poi, la barca scivolò oltre, lasciandosi il castello alle spalle, rimpicciolì, divenne parte della notte.

Aldebaran si riscosse, e riaprì gli occhi: la visione era stata così torbida ch'egli non ne aveva ricavato nulla, e tuttavia la traccia seguitava a rimanere. “Strano,” disse, “m’era parso vi fosse un'alterazione nell'ordine delle cose, ma mi sbagliavo. Partirò domattina, dunque,” aggiunse, “alle prime luci dell’alba, insieme con la tua scorta," e il re sorrise.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Un cuore fanatico" di Edna O'Brien