Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


venerdì 4 luglio 2014

La nobile arte della punteggiatura 3. / 44

Siamo arrivati dunque a parlare di altri due segni di interpunzione molto noti e piuttosto enfatici, specie il primo, che a volte procedono addirittura in coppia: il punto esclamativo e il punto interrogativo.

Trombettiere (forse Valentine Snow), ca. 1753. 
Property Name: Fenton House
http://www.nationaltrust.org.uk/
Fiato alle trombe... con il punto esclamativo!
Il punto esclamativo è l'araldo della nostra corte punteggiatrice, che conclude qualsiasi periodo esprimente meraviglia, stupore, dolore, gioia, desiderio, invocazione o qualsiasi altro forte sentimento. Egli è il gran cerimoniere della frase, il trombettiere che chiude la processione delle parole e anche lo sbandieratore degli stati d'animo.

Eccovi un brevissimo estratto dal romanzo Mastro-Don Gesualdo (1889) di Giovanni Verga:

Voglio che tu sii meglio di una regina, se andiamo d'accordo come dico io!... Tutto il paese sotto i piedi voglio metterti!... Tutte quelle bestie che ridono adesso e si divertono alle nostre spalle!... Vedrai! vedrai!... Ha buon stomaco, mastro-don Gesualdo!... da tenersi in serbo per anni ed anni tutto quello che vuole... e buone gambe pure... per arrivare dove vuole... Tu sei buona e bella!... roba fine!... roba fine sei!...

Ed ecco un esempio tratto dalla commedia Bellavita (1926) di Luigi Pirandello, dove le virgole sono funzionali all'enfasi che si suggerisce all'attore nella recitazione:

Ecco, vedete, se ne scappa! Ridete, ridete! Così, tra la baia di tutti! E ora gli corro dietro; e per tutte le strade, inchini, riverenze, scappellate, fino a non dargli più un momento di requie! Vado dal sarto! Mi ordino un abito da pompa funebre, da fare epoca, e su, dritto impalato dietro a lui, a scortarlo a due passi di distanza! Si ferma; mi fermo. Prosegue; proseguo. Lui il corpo, ed io l'ombra! L'ombra del suo rimorso! Di professione! Lasciatemi passare! Esce, buttando indietro questo o quello tra i lazzi e le risa di tutti.

Il punto interrogativo, invece, può essere considerato come il filosofo di corte, colui che si pone eterni interrogativi sul senso della vita. Questo segno d'interpunzione esprime domanda e dubbio, e lo fa con varie sfumature. In italiano è collocato alla fine, per cui, specie nei periodi molto lunghi e complessi, il lettore scopre solamente in fondo che si tratta di una domanda. Così l'impeto della frase potrebbe arenarsi come una balena spiaggiata. Assai più furbi di noi, gli spagnoli lo mettono all'inizio, come del resto fanno anche con il punto esclamativo, così non ci sono dubbi di sorta e si può dare subito la giusta intonazione.

Eccovi un passaggio tratto da I Promessi Sposi (1840) di Alessandro Manzoni, dove Don Abbondio, dopo le minacce ricevute dai bravi, cerca in tutti i modi di rimandare il matrimonio tra Renzo e Lucia, accampando le scuse più inverosimili:
Il filosofo di Giovanni-Battista Quadrone (1870).
Collezione privata.
"Dubito, quindi sono."

"Sapete voi quanti siano gl'impedimenti dirimenti?" "Che vuol ch'io sappia d'impedimenti?" "Error, conditio, votum, cognatio, crimen, Cultus disparitas, vis, ordo, ligamen, honestas, Si sis affinis,..." cominciava don Abbondio, contando sulla punta delle dita. "Si piglia gioco di me?" interruppe il giovine. "Che vuol ch'io faccia del suo latinorum?"

Ci illustra efficacemente il concetto anche un passaggio dello splendido e attuale romanzo I Viceré (1894) di Federico De Roberto: 

"Vedi? Vedi quanto rispettano lo zio? Come tutto il paese è per lui?" Il ragazzo stordito un poco dal baccano, domandò: "Che cosa vuol dire deputato?"
"Deputati," spiegò il padre, "sono quelli che fanno le leggi nel Parlamento."
"Non le fa il Re?"

"Il Re e i deputati insieme. Il Re può badare a tutto? E vedi lo zio come fa onore alla famiglia? Quando c'erano i Viceré, i nostri erano Viceré; adesso che abbiamo il Parlamento, lo zio è deputato!..." 

Alla parola "deputati", "leggi" e "Parlamento" so che molti di voi avranno avuto un sussulto, ma occorre soffrire per amore di grammatica. Nelle interrogative indirette, però, il punto interrogativo non ci vuole (ad esempio: Il ragazzo chiese che cosa volesse dire "deputato".).

In generale il punto esclamativo che l'interrogativo, chiudendo un periodo, hanno funzione di punto fermo; e quindi bisogna iniziare la nuova frase con la lettera maiuscola. Quando più frasi si susseguono in modo concatenato, si userà poi la lettera minuscola. Riprendendo in prestito il nostro marchese Marcello del post precedente, e immaginandolo nel suo letto d'ospedale con la mascella gonfia, possiamo fargli dire nel ricevere le visite degli amici e senza paura di sbagliare: "Come siete stati buoni a venirmi a trovare! e che bel mazzo di roselline mi avete portato!" 

Alcuni uniscono il punto interrogativo e il punto esclamativo per enfatizzare ulteriormente il concetto. Leggeremo dunque frasi come quella rivolta da uno dei visitatori del marchese Marcello: "Davvero hai ricevuto uno sganassone dalla contessina Carlotta?!" 

Addirittura altri mettono una sequela di punti interrogativi o di punti esclamativi come se fossero una mitragliata di ganci o di baionette innestate: "Ma davvero???" "Incredibile!!!" (questi sono i commenti degli amici del marchese Marcello, che fanno coro).

Non è un delitto usarli nella corrispondenza privata, o in altre forme di comunicazione enfatiche come la pubblicità, ma non sono granché belli a vedersi in un testo letterario. Un solo punto esclamativo in un passaggio, specie descrittivo, attira l'attenzione, mettendone troppi si ottiene l'effetto contrario. I nostri filosofi e trombettieri di corte si sono messi in fila e fanno un sacco di smorfie, o strillano a pieni polmoni, rendendo leggermente ridicola la frase.

E a voi, che cosa piace vedere in un testo in relazione a questi due segni così enfatici?
Share:

11 commenti:

  1. Ciao Cri',
    come temevo: sei entrata in un labirinto. Ora pioveranno punti di vista a iosa.
    Condivido quasi tutto, Se proprio devo dire tutto, bada te la sei cercata. Nutro qualche perplessità sul pezzo di Pirandello. C'è chi va dicendo "troppi punti non fanno un bell'effetto, specie se in brevispazi narrativi".
    Non sono d'accordo, e il grande "Gigino u siculo" (una battuta me la passerà) lo dimostra alla grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enzo, grazie del commento! :-)

      Tieni conto che il pezzo di Pirandello è scritto per il teatro, quindi i punti esclamativi a iosa ci stanno tutti. Quindi Gigino ringrazia anche dell'affettuoso nomignolo.

      Troppi punti esclamativi in un testo letterario a me non piacciono proprio, ad esempio "L'arte della gioia" di Goliarda Sapienza ha dialoghi in cui ce ne sono davvero troppi. Però come al solito il dosaggio è questione di gusti.

      Elimina
  2. Sei sempre carinissima nel trattare argomenti spinosi. E adesso mi immaginerò sempre il punto esclamativo con la tromba e l'interrogativo che filosofeggia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ah, grazie Tenar! In effetti l'argomento è un po' arido, per cui immaginare i segni come antropomorfi aiuta.

      Elimina
  3. Chissà se l'uso di tanti punti esclamativi in fila è una mania dei nostri giorni?
    Comunque anche quelli singoli mi sono venuti un po' in antipatia, soprattutto nei dialoghi. Infatti revisionando l'ultimo romanzo ne ho tolti tantissimi. Mi sembravano poco eleganti e penso che in molti casi siano proprio inutili, perché il tono enfatico si intuiva lo stesso. Tu che ne dici, è possibile farne un uso più parco?

    RispondiElimina
  4. Secondo Beppe Severgnini nel suo "L'italiano. Lezioni semiserie" sì, è una mania dei nostri giorni: tutti strillano servendo dei punti esclamativi per attirare l'attenzione, il problema è che poi non li nota più nessuno. Ricordo un saggio terapeutico-psicologico letto qualche tempo fa, era pieno di punti esclamativi, anche quando faceva delle citazioni. "Fai questo!" "Fai quell'altro!" "Mangia!" "Prega!" "Ama!" (questi ultimi tre verbi sono il titolo di un film... parlando di film...).

    Secondo me, meno si mettono e meglio è. Su quello mi allineo agli anglosassoni: loro li mettono poco, a volte nemmeno dopo gli imperativi. Che il punto esclamativo denoti il carattere di un popolo?

    RispondiElimina
  5. Sui punti esclamativi sono anch'io molto parca nei miei scritti, e comunque ne uso solo nei dialoghi. Tendo a cercare l'intensità nella profondità piuttosto che nell'esplosione, perciò i punti esclamativi risultano controproducenti. Quanto all'accostamento di punto esclamativo e interrogativo, non so proprio cosa dovrebbe succedere nella storia per farmelo venire in mente... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti le trombe creano un'intensità un po' diversa da quella che cerco! (anzi, !!!)

      Elimina
    2. Fai bene a usarne pochi, io la penso esattamente come te. Come mettere troppe spezie per insaporire un piatto, alla fine risulta indigesto. (... le tue battute mi fanno sempre molto ridere!) :-D

      Elimina
  6. Il punto esclamativo è molto adolescenziale e femminile. In testi scritti da ragazze molto giovani, ne trovo a profusione, pare lo mettano ovunque. Anzi: ovunque!!!!! Anche io li uso solo nei dialoghi, ma non ne uso molti. L'interrogativo, invece, non lascia molta possibilità: quando serve deve essere usato, pena l'intera comprensione della frase.

    RispondiElimina
  7. Acuta la tua osservazione, Chiara. In effetti può essere usato come modo veloce per enfatizzare sentimenti intensi. Mi ricordo che li usavo anch'io sul diario di scuola, accompagnati da tutta una serie di fiorellini, decorazioni e colori! Sull'uso del punto interrogativo ci sono certamente meno dubbi.

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Autunno del Medioevo" di Johan Huizinga