Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 4 ottobre 2014

"La roccia nel cuore", un giallo sul lago d'Orta - Intervista ad Antonella Mecenero

La copertina del romanzo,
edito da Interlinea.
http://www.interlinea.com
Sul lago d'Orta una piccola comunità è sconvolta dal suicidio di un adolescente. Due sole persone dubitano che le cose siano proprio come sembrano: un compagno del ragazzo morto e il nuovo parroco del paese. Due opposti modi di vedere il mondo stretti in un'inedita alleanza per svelare un mistero che va infittendosi quando nella basilica vicina sparisce il teschio di un santo. Sulle orme di Fred Vargas, un romanzo d'esordio con qualche tono di giallo dove le digressioni contano quanto gli indizi. Dove la descrizione della realtà, nei suoi risvolti di attualità sociale, si mescola all'immaginario in una geografia costruita tanto su luoghi reali fedelmente descritti quanto sulle loro leggende.

Questa la sinossi del romanzo La roccia nel cuore di Antonella Mecenero, una storia scritta con grande rigore linguistico, tempi tecnici perfetti e, nello stesso tempo, appassionante e intrigante come un vero giallo deve essere. L'autrice ti prende per mano e ti conduce con grande abilità nei meandri di una storia geometrica dove, quasi fino alla fine, nemmeno il più esperto dei giallisti riesce a capire che cosa sia veramente successo. Confesso la mia difficoltà nello scrivere recensioni di gialli, perché mi sembra sempre di rivelare troppo e di rendere un cattivo servizio all'autore - e al lettore! - e vi propongo subito l'intervista con le domande che ho rivolto ad Antonella, non solo in merito al suo romanzo ma anche alla sua visione della scrittura in generale. Lascio quindi la parola a lei molto volentieri.

***

1. Prima di entrare nel vivo del romanzo, vorrei farti innanzitutto una domanda sul tuo rapporto con la scrittura in generale, e con il genere del giallo in particolare. Che cosa significa scrivere per te e quali letture alimentano questa passione?

Penso che la scrittura per me sia la realizzazione di due distinti desideri. Da una parte amo le storie, amo condividerle e, quando non ne trovo di mio gusto, ne invento una che si adatti al mio umore. Il secondo desiderio è quello di vivere vite non mie, staccarmi dal mio modo di vedere il mondo per prendere in prestito gli occhi di qualcun altro. Scrivere permette di fare entrambe le cose: inventare storie e osservarle con gli occhi dei loro protagonisti!

Quanto al giallo, invece, mi piace come convenzione narrativa. Si stringe un patto preciso tra autore e lettore che è più forte rispetto a quello che si stipula scrivendo altri generi. Come autrice sfido il lettore a trovare l’assassino prima che io glielo riveli e mi impegno a fornire un enigma stimolante. In cambio, il lettore mi seguirà attraverso luoghi, tempi e tematiche di mia scelta e che magari non sono quelli che il lettore si aspettava.


2. La roccia nel cuore è un romanzo giallo ambientato sul lago d’Orta, cioè in luoghi che conosci molto bene. Come è nata in te l’idea di questa storia dal contesto “domestico” e come si è sviluppata nel tempo?

Collaboro con un’associazione, Ecomuseo del Lago d’Orta, che mi ha permesso di conoscere anche gli angoli più segreti e nascosti della mia terra. Proprio preparando alcune manifestazioni dell’associazione è nata l’idea di rendere il lago e in particolare la sua sponda meno famosa il cuore geografico e affettivo della narrazione.


3. Nel romanzo è evidente l’affetto che porti ai luoghi descritti. La visione del lago d’Orta e dei suoi colori, dei paesi che vi si affacciano, delle montagne e dei boschi, è di una bellezza struggente e invoglia certamente a visitarlo. Eppure l’ambiente lacustre non è popolare come quello marino, ad esempio. Che cosa ti trasmette il lago sia come essere umano che come scrittrice?

Del lago mi colpiscono molti aspetti, ma due sono quelli che hanno messo in allerta i miei sensi di narratrice. Da una parte la varietà di paesaggi e suggestioni che si rincorrono in pochi chilometri. Si passa, ad esempio, dall'opulenza un po’ decadente delle ville e dei grandi alberghi di Orta ai ricordi ancora vividi della povertà della vita degli scalpellini, sull'altra sponda. Sono due mondi del tutto diversi e che pure convivono fianco a fianco.

La seconda suggestione è che il lago d’Orta è in apparenza piccolo e placido. In realtà in alcuni punti supera i 100m di profondità e ha un ricambio d’acqua molto lento. Vuol dire che sotto la superficie stanno abissi freddi e antichi, in cui si è sedimentato, senza scomparire, tutto quanto è accaduto in passato. E questa immagine è uno splendido spunto narrativo, sopratutto per chi, come me, voglia indagare segreti sepolti e dimenticati.


4. Come Fred Vargas, anche tu lavori su dettagli storici-culturali essenziali al lettore per comprendere la dinamica dei fatti. Nel caso specifico si tratta soprattutto della chiesa dedicata a san Giulio e della sparizione del suo teschio. Il santo diventa quasi parte attiva durante le vicende, o sbaglio? E quanto è importante, per te, inserire storie e leggende nella costruzione dei tuoi gialli?

San Giulio e i draghi
http://www.orta.net/
Per formazione sono un’archeologa e quindi la storia e la memoria per me sono un punto fondante nella costruzione di un’identità. Quasi sempre, quindi, la storia è alla base della mia scrittura. In questo caso, poi, c’è il mio amore particolare per la leggenda di san Giulio. Come molti santi, anche Giulio incontra i draghi, ma non li uccide. Parla con loro e li allontana dall’isola (la leggenda precisa che almeno un drago prende poi dimora in una grotta lì vicino). Ho pensato che oggi abbiamo bisogno proprio di persone così, in grado di identificare i draghi e di allontanarli parlando con loro.


5. Un aspetto classico ne La roccia nel cuore è la differenza tra quello che appare, e cioè una piccola comunità tranquilla sulle rive di un lago, e quello che veramente si muove dietro le quinte. Hai constatato tu stessa questa discrepanza nella vita quotidiana, al di là dei luoghi specifici, anche solo a livello di sensazione?

Come dicevo la suggestione viene proprio dalla natura stessa del lago e dalla differenza tra la superficie placida e la profondità oscura che nasconde. Spesso, purtroppo, è così anche nella vita. Io rimango sempre ferita quando scopro quanti abissi di infelicità possano esserci dietro esistenze in apparenza serene. Purtroppo questo è qualcosa di cui tutti, temo, abbiamo fatto esperienza.


6. Nella scrittura di un romanzo, a qualsiasi genere appartenga, c’è sempre una mescolanza di dettagli storici o di cronaca reale con la parte di pura immaginazione. Come scrittrice hai mai avuto la sensazione di trascendere il labile confine tra questi due aspetti?

Mi pongo molto il problema etico che sta alla base della narrazione storica: dove deve iniziare l’invenzione? Secondo me dove c’è una fonte, questa va seguita. Se come autore presento un dato come reale, il lettore deve poterlo prendere con sicurezza, fidarsi di me e del lavoro di documentazione svolto. Solo dove non abbiamo certezze, in quelle pieghe scure della storia, allora si può inventare qualcosa che forse non è stato, ma avrebbe potuto essere.


7. Nella storia viene presentata la figura dell’investigatore proveniente da un ambiente apparentemente lontano dai problemi delle persone comuni, e cioè un sacerdote erudito: Padre Marco. Nonostante la sua predilezione per i libri antichi, o forse proprio per questo, il suo acume rispetto a persone e moventi si rivela determinante per la risoluzione del mistero. Come hai costruito e immaginato questo tuo personaggio? Rispecchia qualcosa di te?

Il tutto è nato dall'infelice definizione dei politici “con la cultura non si mangia”, a significare l’inutilità dell’erudizione. Ma la cultura, che sia storica, letteraria o scientifica insegna un metodo di pensiero ed è strumento per interpretare la realtà. Quindi, proprio perché erudito, Padre Marco riesce a capire quello che gli sta intorno!


8. Nel romanzo cogli con grande acutezza il mondo degli adolescenti, che a molti risulta oscuro e incomprensibile. Molto toccante è la frase sul rischio di ferire un ragazzo tradendo la sua fiducia, perché nell'adolescenza il senso etico è vivo e intransigente. La stessa cosa, sebbene in maniera differente, succede con i bambini, che sono scandalizzati dalla mancanza di onestà e dall'incoerenza degli adulti. In quale modo sei riuscita a offrire un ritratto così efficace?

Ho il dubbio privilegio di lavorare, in quanto insegnante, con i preadolescenti. E mi rendo conto ogni giorni di quanto sia forte per loro il senso di giusto/ingiusto. Spesso è mal indirizzato e a volte mancano loro gli strumenti per un giudizio sereno e tuttavia il senso etico in quell’età è fortissimo e spesso i ragazzi vivono il cinismo degli adulti come una tortura costante.

A volte mi sembra quasi che, da parte degli adulti, addossare ai giovani più colpe di quante non ne abbiano sia una sorta di alibi, una difesa nei confronti dell’adolescente che loro stessi sono stati e che hanno tradito. Infine, gli adolescenti sono forse la categoria che è più oggetto di banalizzazione e frasi fatte. I “giovani di oggi” sono sempre peggio di quelli di ieri, peccato che si dicessero le stesse cose già nell'antichità. Oggi, come in passato, ci sono adolescenti pieni di voglia di fare, in grado di guardare la realtà con occhio critico e consapevole e nel mio romanzo volevo dare voce anche a loro.


9. Per concludere, ti chiederei di raccontarci quali sono i tuoi progetti in cantiere… ad esempio so che è imminente l’uscita di un tuo nuovo romanzo. Vuoi dirci qualcosa in merito?

Sì, molto presto sarà in tutte le librerie e, in versione e-book, in tutti gli store on-line Sherlock Holmes e il mistero dell’uomo meccanico.

Più che un apocrifo rivolto agli appassionati, io lo considero un giallo storico con protagonista Sherlock Holmes. Per puro caso, infatti, mi sono imbattuta in una storia reale, triste e meravigliosa, avvenuta nella seconda metà dell‘800. Volendola indagare, quale genere poteva essere migliore del giallo? E, iniziando a immaginare un giallo a fine ottocento, perché non andare a chiedere aiuto a Baker Street? Dopo tutto non aveva senso cercare un surrogato, quando si poteva avere il re di tutti gli investigatori.

È nata così una storia che è stata per me una sorpresa continua, un giallo che si dipana in un mondo in cambiamento  in cui gli stati stessi iniziano a rendersi conto che non è il dominio delle terre, ma quello delle tecnologie a ridefinire gli equilibri di potere. In queste lotte a rischiare di essere schiacciati sono gli stessi uomini d’ingegno, le cui invenzioni possono essere rubate, nascoste o, peggio, riconvertite a scopi del tutto estranei allo spirito con cui erano state ideate. Sulle tracce di alcune di queste invenzioni c’è un Sherlock Holmes appena ventisettenne, aiutato quasi per caso dal coinquilino da poco trasferitosi a Baker Street, un dottor Watson appena tornato, ferito nel corpo e nell'anima, dall'Afghanistan. Due giovani che stanno ancora cercando il loro posto nel mondo e che si scopriranno complementari.


Ringrazio dunque Antonella per aver risposto alle mie domande e le faccio i miei migliori auguri per il suo futuro!

***

Vi invito anche a visitare il suo blog http://inchiostrofusaedraghi.blogspot.it/ dove troverete non solo post sull'argomento scrittura e dintorni, ma anche racconti. Cliccate sul link “Liberi nella rete – Racconti gratuiti”. Su tutti, segnalo il bellissimo racconto storico La donna col liuto.
Share:

8 commenti:

  1. Un enorme grazie per questo spazio e l'attenzione che mi è stata data!
    Tra l'altro il caso ha voluto che il post sia stato pubblicato proprio in concomitanza con l'uscita in anteprima di Sherlock Holmes e il mistero dell'uomo meccanico. Quando si dice stare sul pezzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti tutto ha coinciso perfettamente, direi. E non ci siamo nemmeno messe d'accordo... !

      Elimina
  2. Mi ha fatto molto piacere leggere questa intervista, perciò grazie a entrambe, anche per avermi fatto ripercorrere il romanzo di Antonella, che ho ancora ben fresco in mente (di solito ho una memoria terribile per le letture). Ho apprezzato il suo stile, pulito ed evocativo, e storia è rimasta a galleggiarmi in mente nonostante io non sia un'appassionata di gialli. Credo che sia anche colpa del lago... non esisterà anche anche il "mal di lago", oltre al "mal d'Africa"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono allontanata dalle mie terre per frequentare l'università e ho subito capito che il Lago d'Orta era il mio cuore geografico. Se c'è un "mal di lago" di sicuro ne sono affetta!
      PS: grazie mille, Grazia, mi hai fatto arrossire! Spero che il prossimo romanzo non ti deluda!

      Elimina
  3. A me il lago piace in maniera particolare, lo trovo raffinato e ricco di sfumature. Anche per questo motivo ho letto con grande interesse il romanzo di Antonella. Conosco molto bene il lago di Como per averci trascorso alcune estati, e abbastanza bene il Maggiore e il Garda.

    Inutile dire che la lettura del romanzo mi ha invogliato a visitare il lago dove avvengono le vicende del giallo. Chissà mai che non incontri Padre Marco!

    RispondiElimina
  4. Bellissima intervista, è stato un piacere leggerla. Complimenti a entrambe :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria Teresa, per essere passata. Buonissima giornata. :-)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Belgravia" di Julian Fellowes