Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


mercoledì 18 gennaio 2017

Il Caffè della Rivoluzione - Il diavolo è innamorato! / 8




Eccoci di nuovo con il Il Caffè della Rivoluzione del mercoledì a trascorrere insieme qualche buon momento in compagnia! Oggi parliamo di un aspetto davvero esaltante e positivo di quel periodo: la stampa, che letteralmente esplose. Giornali di opposte tendenze politiche nascevano incessantemente, si stampavano e si vendevano in migliaia e migliaia di copie, si avviava la distribuzione e ci si abbonava al proprio giornale preferito. E il tutto contribuiva ad accendere gli animi e i liberi dibattiti e in una società dove il concetto di privacy era inesistente: si apriva la corrispondenzala censura era prassi normale e si poteva ricevere una lettre de cachet e finire sepolti vivi in qualche orrendo carcere perché si osava criticare o denunciare il potente di turno.

Non fu soltanto la stampa giornalistica a godere di questa fioritura straordinaria, ma anche il romanzo. Si scriveva e si pubblicava come matti, e gli analfabeti, cioè la stragrande maggioranza, ascoltavano la lettura ad alta voce riuniti attorno al lettore preposto. In questo periodo furono dati alle stampe romanzi scandalosi come Justine o le disavventure della virtù (Justine ou les Malheurs de la vertu), del marchese De Sade, manoscritto datato 1788, versione originaria poi ampliata del 1787; oppure circolarono con maggior vigore romanzi pubblicati addirittura più indietro nel tempo, come il celebre La principessa di Clèves di Madame La Fayette, vero antesignano del romanzo introspettivo moderno.

Uno dei romanzieri più curiosi e interessanti di questo periodo è Jacques Cazotte, che qui potete vedere in un ritratto di Jean-Baptiste Perronneau. Nato a Digione il 17 ottobre 1719, fu considerato dai suoi contemporanei un vero e proprio "visionario", uno dei tanti che popolarono la Francia del Settecento, epoca dell'Illuminismo ma anche della fioritura di numerose sette esoteriche.

La prima parte della sua vita fu tuttavia all'insegna della normalità. Seguì il suo piano di studi presso i Gesuiti di Digione, prima di entrare a far parte, dal 1747 e per un decennio circa, della marina reale presso Martinica. Cazotte assistette nel 1756, sempre presso la Martinica alla esplosione dello scandalo La Vallette, innescato dal gesuita accusato di bancarotta e di concussione che finì per rovinare l'intero ordine religioso. Nel 1759, colpito da scorbuto, tornò in Francia. Avendo ricevuto in eredità dal fratello una villa sulla Marna, vi si trasferì definitivamente. Il 9 luglio 1761 si sposò con una signora creola e per quindici anni si dedicò prevalentemente alla letteratura.


Nel 1775 iniziò a seguire sempre più le proprie inclinazioni per il fantastico e il soprannaturale. Frequentò la setta degli "Illuminati", un movimento di ispirazione massonica con sede a Lione. In questo periodo Cazotte fece esperienze medianiche, divulgando le sue visioni e diventando famoso per le predizioni.

La sua opera più famosa, che volentieri ho riletto in questi giorni, è Il diavolo innamorato (Le diable amoureux), pubblicata nel 1772. In questa storia ambientata tra Napoli, Venezia e la Spagna, il demonio in persona si presenta al giovane spagnolo Alvaro. Ecco un estratto del primo incontro:

Presi in breve tempo questa decisione, sebbene fossi un po’ turbato dal lamento dei gufi e dei barbagianni che abitavano i dintorni e l’interno della caverna.
Un poco rassicurato dalle mie riflessioni, raddrizzo il busto, mi pianto bene sulle gambe, deciso a resistere. Pronuncio l’evocazione con voce chiara e sonora, e alzando il tono chiamo, a tre riprese e dopo brevi intervalli: ‘Belzebù!’
Un brivido mi correva lungo le vene e i capelli mi si rizzarono in testa. Avevo appena finito, quando una finestra a due battenti si apre proprio di fronte a me, in cima alla volta. Un fiume di luce abbagliante esce dall’apertura e una testa di cammello, orribile per forma e dimensioni, si affaccia alla finestra. Aveva orecchie smisurate. L’odioso fantasma apre le fauci e con un tono che ci confà alla figura, mi risponde ‘Che vuoi?’
In ogni volta, in ogni sotterraneo lì intorno echeggiò quel terribile: ‘Che vuoi?’
Non saprei descrivere il mio stato d’animo. Non so chi mi diede il coraggio, impedendomi di perdere i sensi al cospetto di questa apparizione, o a causa del più spaventoso rumore che le mie orecchie avessero mai udito.
Nonostante il primo approccio non sia dei migliori, le cose cambiano in corso d'opera, o meglio in corso d'evocazione: il diavolo si trasforma in un bellissimo paggio che cela in realtà un'affascinante fanciulla, Biondette, cambiando disinvoltamente sesso e con il chiaro intento di sedurlo. In questo modo dà corpo alla prima coppia esoterica "di fatto" della storia.

Alvaro è francamente il personaggio più irritante, un autentico mammone che si crede di essere un vero eroe quando non ha un minimo di sale in zucca; in quanto al diavolo-fanciulla, è simpatico perché fa finta di essere quello che non è e si capisce subito dove voglia andare a parare. Molto interessante è anche la descrizione di un ceto sociale aristocratico che trascorreva le sue giornate tra festini, tavoli da gioco, amori passeggeri e sperperi di ogni tipo. Anche per quello c'era tanto bisogno dell'intervento del "diavolo rivoluzionario"! E interessante è anche la nota a pie' di pagina dell'autore, che rivela come il testo fu alquanto rimaneggiato nel finale.

Non vi dico come va a finire la storia, appunto, perché magari avete voglia di leggerla. Si tratta di un'opera deliziosa e originale, che si legge nello spazio di una sera come recita il titolo della collana per le edizioni La Spiga.

***

E a voi piacciono queste storie dei secoli passati che hanno il diavolo come protagonista? Ne rammentate qualcuna?

***

Fonte:
Il diavolo innamorato di Jacques Cazotte - Tascabili La Spiga

Share:

12 commenti:

  1. Ecco un romanzo che non ho mai letto, grazie Cristina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, Nadia, sono felice di averti segnalato qualcosa di nuovo! ;-)

      Elimina
  2. Non ho mai letto questo romanzo ma ne prendo nota.
    Storie "diaboliche"... Beh, quando studiavo letteratura inglese veniva spesso nominato il "Dottor Faustus" di Christopher Marlowe, storia abbastanza nota di un uomo che vende l'anima al diavolo, peraltro ripresa da altri autori nei secoli successivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, "Il diavolo innamorato" è molto gradevole e si legge d'un fiato. Il tema del patto con il diavolo ha un fascino indiscusso, come pure i molti modi per cercare di recedere dal "contratto". Qui non si parla tanto di vendita dell'anima, ma di vera e propria seduzione, il tutto narrato in modo curioso e originale.

      Elimina
  3. Senza dubbio le storie con il diavolo mi piacciono, anche se questo libretto non lo avevo mai sentito nominare. "Faust" di Goethe e "Maestro e Margherita" di Bulgakov li so più o meno a memoria, perché più che letti li ho studiati. E ricordo abbastanza bene anche "Doktor Faustus" di Thomas Mann. Mentre ho dimenticato quasi completamente "Gli elisir del diavolo" di E.T.A. Hoffmann, che pure è un'opera di immenso valore, che dovrei proprio rileggere.
    Forse ti interesserà sapere che, giusto per allungare la lista delle coincidenze, ho proprio stamane iniziato a vedere un film del 2015 pieno zeppo di diavoli d'ogni specie: "Fire City - End of Days".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Doctor Faustus di Thomas Mann lo ricordo come un vero e proprio scoglio. Gli elisir del diavolo di E.T.A. Hoffmann mi incuriosisce, anche perché avevo letto molti anni fai dei suoi racconti che, insolitamente, mi erano rimasti impressi (non ho molta memoria per i racconti). Nel prosieguo della mia saga crociata, che ho già scritto ma devo rivedere, c'è un diavolo (o meglio demone) molto importante per la storia ebraica, ovvero il biblico Asmodeo.
      Per quanto riguarda le liste delle coincidenze, potremmo esseri gemelli separati alla nascita! ;-)

      Elimina
  4. A me la figura del diavolo inquieta non poco ma devo ammettere che in ogni opera letteraria in cui compare lascia il segno quanto a fascino e modo incisivo di agire.

    In questi giorni sto trattando l'Illuminismo in seconda. Sono molto colpiti da questa ondata di idee nuove che si leva nel Settecento. Vero è che poi riferiranno ben poco al momento delle interrogazioni (sono molto più bravi nelle verifiche scritte) ma perlomeno nei giorni di spiegazione degli argomenti vengono a contatto con stimoli nuovi che li fa sentire più vicini ai temi della Storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi ha colpito del periodo dell'Illuminismo, anche leggendo il saggio Guida pettegola al Settecento francese è che, accanto al manifestarsi della filosofia volta ed esaltare la ragione, vi fu il proliferare di questo filone volto all'esoterismo, ai fantasmi, alle superstizioni, alle leggende, ai fenomeni mostruosi e inspiegabili... quasi a voler bilanciare l'eccesso di razionalità. Infatti si coglie già l'arrivo del Romanticismo nel gusto per i paesaggi tormentati, le rovine, il sentimentalismo e gli eccessi. Affascinante.

      Elimina
  5. Il romanzo "Il club Dumas" mi aveva fatto conoscere Cazotte e il suo diavolo innamorato, anche se poi era rimasta una conoscenza superficiale, la nostra. Che bello ritrovarlo qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco un altro libro che dovrei leggere: ormai il mio quadernino con l'elenco sta diventando corposo come il Vecchio Testamento. Prima o poi scriverò un post dal titolo "I libri che vorrei... ma non posso". ;-)

      Elimina
  6. Mai letto, ma prendo nota! Sembrerebbe curioso e carinissimo :D
    Non ho un grande repertorio personale di letture diaboliche, citerei, come Ivano, il Bulgakov, anche se è abbastanza recente.
    Rilancio con un libro favoloso, del quale vorrei scrivere da troppo tempo ormai, e che "devi" leggere, lo so che ti farebbe impazzire *__* : La rivolta degli angeli di Anatole France del 1914.
    [Pensa te quanto ho da recuperare, se qui commento XD]

    RispondiElimina
  7. Sì, Il diavolo innamorato è carinissimo. Non lo trovo un capolavoro, comunque, ma è interessante perché rende bene le atmosfere di una certa epoca... e poi si legge d'un fiato!

    Aaaah, che dolore! Mi troverete sepolta viva da montagne di libri non letti. So già che quel libro di Anatole France farà parte di quella slavina, perché se mi dici che lo "devo" leggere... non posso proprio ignorare il tuo suggerimento. Poi mi sono annotata anche La Primula Rossa edizione Salani del mio post successivo, e lì mi sono data la zappa sui piedi da sola.

    Per quanto riguarda il recupero, fai con calma. Il proverbio recita: "Chi va piano va sano e va lontano". ;-)

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Autunno del Medioevo" di Johan Huizinga