Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 4 marzo 2017

Meme - Città letterarie di noi bloggers scribacchini


Qualche tempo fa il blogger Ariano Geta ha pubblicato una serie di post sulle città che compaiono a vario titolo nelle opere letterarie, concludendo la sua rassegna con le Città letterarie di noi bloggers scribacchiniHo lasciato un commento sul blog, ma accolgo volentieri l'invito di Ariano di scrivere un meme dove posso presentare per bene le città protagoniste di alcuni dei miei romanzi storici.

Ce ne sono parecchie, in quanto i miei personaggi sono dei veri globetrotter! Ho dovuto fare a malincuore una selezione, avendo l'intenzione di aggiungere un passaggio tratto dal romanzo. Ne ho quindi scelte tre. Una di loro, un vero scrigno di tesori d'arte e bellezza, si trova proprio in casa nostra.


Gerusalemme, 1099 - Libro I La terra del tramonto

Nel primo romanzo della mia saga, ci troviamo all'epoca della Prima Crociata. Siccome i personaggi si muovono attorno al bacino del Mediterraneo, vi si descrivono varie città, alcune in Marocco e altre in Andalusia. Nella scena che vi propongo, però, ci troviamo a Gerusalemme.  Gli eserciti cristiani sono riusciti a conquistare ai musulmani la Città Santa per eccellenza, e nell'estratto si mostra il dopo, ovvero il panorama desolato delle piazze e delle vie in cui si muovono tre cavalieri.



La conquista di Gerusalemme - 1099


Alla luce del tramonto, che spandeva caldi bagliori aranciati sulle pietre e sui muri, si coglieva lo scintillio delle spade sotto i mantelli dei tre uomini. Questo li distingueva come uomini d’arme e non come monaci nonostante avessero il cappuccio levato. E, quando il vento apriva i mantelli, si scorgeva il simbolo della croce di Cristo, composto con stoffa rossa cucita sul petto. I tre incrociarono altri guerrieri, che li salutarono con deferenza, come se riconoscessero in loro non solamente dei compagni d’armi, ma anche dei superiori.

A parte quei radi passanti, un cupo e strano silenzio avvolgeva le strade del quartiere ebraico di Gerusalemme, deserte come se la città fosse in parte disabitata, o i suoi abitanti fuggiti o morti; e in quel silenzio i passi dei tre uomini risuonavano come amplificati. Schizzi e fiotti di sangue, disseccato di recente, imbrattavano i muri delle case, e se ne scorgeva pure nelle connessure delle pietre che componevano il lastricato, o nella terra delle strade, come se quello scorso nei giorni precedenti fosse stato così abbondante da impregnare la carne stessa della città, i suoi legamenti e le sue ossa. Di là dalle arcate dei cortili, erano ammassati cadaveri coperti di mosche; nessuno aveva avuto ancora il tempo di portar fuori dalla città, per buttarli in fosse comuni oppure bruciarli. Su alcune soglie giacevano ancora corpi di persone che, colte in un ultimo disperato tentativo di fuga, erano state raggiunte, trafitte e macellate. Delle donne giacevano a gambe larghe, con sangue sulle cosce e gli occhi spalancati al cielo. Poco più in là, bambini erano stati sgozzati, altri decapitati, altri ancora sventrati.

Uno dei cavalieri si fece il segno della croce e mormorò un “Dio ci perdoni”.


Venezia, 1560 - Il pittore degli angeli

La magica città di Venezia è la dominatrice indiscussa di larga parte del romanzo Il pittore degli angeli. Si dispiega agli occhi del lettore come una città cosmopolita, dinamica e al culmine del suo fasto, al volgere di un secolo in cui anche il Rinascimento va a morire. Tutto il romanzo è ambientato nell'ambiente d'élite dei grandi pittori veneziani, il cui protagonista è lo spregiudicato Tiziano Vecellio, ormai anziano e giunto al vertice della sua carriera.

Nell'estratto il giovanissimo e misterioso pittore Lorenzo, soprannominato "il pittore degli angeli", e appena giunto a Venezia da chissà dove, è seduto su un basso parapetto e osserva piazza San Marco.



Processione in piazza San Marco di Gentile Bellini (1496)

Dietro di lui, il campanile stendeva un’ombra alta e possente, come quella d’un buon gigante, e gli riempiva la testa col suono delle campane; davanti a lui, il tappeto a tarsie di Palazzo Ducale era una bianca e rosea meraviglia, e dalle sue finestre traforate s’affacciavano dame con cuffie ornate di perle, e patrizi vestiti di raso nero; più a sinistra, le cupole scintillanti ed irsute della Cattedrale parevano scrigni preziosi pronti a schiudersi rivelando tesori. Sotto, lungo tutto il perimetro della piazza, si snodava una fila di archi retti da colonne rivestite di damasco cremisi, e sugli archi era teso un velo di panno bianco che si muoveva, leggermente, al vento, così come s’inclinavano di poco le fiammelle dei ceri accanto alle colonne; e sotto quel velo e accanto a quei ceri s’apprestava a passare, srotolandosi come un lungo serpente dalle ricche, luminose, dorate scaglie, la processione del Corpus Domini. “È davvero come trovarsi in una città incantata,” pensava Lorenzo, ammaliato dallo splendore dei luoghi e delle genti, “una di quelle città di cui si narra nelle fiabe: ogni cosa è fonte di meraviglia e miracoli. Non v’è davvero, al mondo, una città pari a questa, e anche l’acqua e l’aria possiedono una luce specialissima, direi quasi un colore proprio.”



Parigi, 1775 - Io, Lucile

La Parigi prima e durante la Rivoluzione Francese è il luogo dove ho ambientato il romanzo che sto scrivendo. Anche in questo caso ci sono altre città minori che costellano il libro, come Arras o Guise, ma è fuor di dubbio che storicamente Parigi sia stata il centro irradiante della Rivoluzione. All'epoca, però, era molto diversa dalla metropoli che oggi conosciamo. Era una città che contava poco più di quattrocentomila abitanti ed era una vera e propria fogna a cielo aperto, tanto da essere considerata una delle città più sporche d'Europa. V'erano enormi contrasti tra palazzi sontuosi e sordide stamberghe, quartieri aristocratici e altri malfamati e miserabili. Le strade erano in pessimo stato, piene di gente di tutte le risme, e le carrozze dei nobili vi passavano a grande velocità, incuranti se investivano o storpiavano qualcuno.

Di solito non pubblico mai estratti di quello che sto scrivendo - più che altro per una sorta di scaramanzia e perché non ancora revisionati - ma stavolta contravvengo alle regole e pubblico una scena della parte iniziale. Siamo nel 1775, e quindi quattordici anni prima dello scoppio della Rivoluzione Francese. I protagonisti sono i padri oratoriani del prestigioso Collegio Louis-le-Grand e un gruppo di allievi. I sacerdoti impartiscono ai ragazzi un'istruzione severa, ma al contempo molto aperta alle nuove idee filosofiche e sociali, al punto da far divenire l'istituzione una vera e propria fabbrica di futuri rivoluzionari. Le lezioni non si svolgono soltanto nelle aule, ma, con la bella stagione, i religiosi conducono i ragazzi in passeggiate educative fuori città, alla maniera di Rousseau.

Nella scena stanno rientrando a Parigi, e l'abbé Bèrardier, direttore del Collegio, sta dando ai ragazzi una solenne lavata di testa in quanto ne hanno combinato di tutti i colori. Tra gli studenti vi sono Camille Desmoulins, futuro giornalista, e Maximilien de Robespierre che... beh, non ha bisogno di molte presentazioni.

Parigi e il Pont Neuf in un dipinto del tardo 1600, inizio 1700.

“Quando saremo al Collegio, farò i conti con quelli che, tra di voi, si sono comportati peggio di tutti. Ci saranno delle conseguenze sulla media del vostro rendimento,” minacciò. Soggiunse: “Siamo in vista delle porte di Parigi, per cui, almeno in città, fate silenzio e procedete in maniera ordinata. Siete allievi del prestigioso Collegio Louis-le-Grand, non bruti screanzati.” Si rivolse a Maximilien de Robespierre e gli disse, compiaciuto: “Tu sei stato uno dei pochi a comportarti con decoro, e quindi avrai un paio di punti in più nel prossimo compito di Greco.” “Ci avrei scommesso,” commentò tra i denti il ragazzo che aveva fatto l’imitazione della scimmia, e che in quel momento si trovava nei pressi di Camille; e un altro ancora brontolò, ma senza farsi sentire.

Si rimisero in fila per due in e procedettero lungo il sentiero che conduceva verso l’ingresso meridionale di Parigi. (...)

Oltrepassato il varco parigino, si ritrovarono nel marasma della città, composto da artigiani, soldati, mercanti, accattoni e ladri. Il terreno ridivenne un impasto di fanghiglia, liquami e sassi, e i caseggiati riassunsero il loro aspetto scrostato e miserabile. “Rimanete insieme e non allontanatevi per nessun motivo!” intervenne Hérivaux, preoccupato che i ragazzi potessero perdersi nella calca. Si spostò a metà fila per rientrare nei ranghi alcuni allievi intemperanti. “Suleau, sei così sporco che non ti si distingue dal terreno!” urlò un ragazzo, riferendosi all'aspetto malconcio dell’avventuroso compagno. Questi fece per tirargli un pugno. “Silenzio!” intimò l’abbé Bérardier, esasperato.

In una delle viuzze più sordide, il compagno di fianco a Camille, Louis Beffroy de Reigny, si mise a ridacchiare e a dargli di gomito. “Guarda un po’ là,” disse, con un cenno di capo. Un uomo con un lungo mantello, poco prima appoggiato al muro di una casa, se ne era distaccato al loro arrivo. Aperto un lembo, stava mostrando, di sotto, alcune stampe pornografiche. Camille scorse solamente una dama arrovesciata con le gonne sollevate sopra un divano, e un cavaliere con i calzoni abbassati e il membro eretto. “Appena un soldo per queste opere d’arte, giovani gentiluomini,” sussurrò il venditore. “Non abbiamo tempo di fermarci con te, o seguace di Nicolas Poussin, per ammirare le tue meraviglie. E tantomeno pousser come fa l’uomo ritratto,” replicò Louis, compito, e Camille rise di gusto al gioco di parole. Beffroy de Reigny era simpatico almeno quanto Fréron. Arrivarono comunque in prossimità della Sorbona senza imbattersi in altri personaggi degni di nota.

Ad un certo punto Camille inciampò e, abbassando gli occhi, si accorse che gli si era slacciata la fibbia di una scarpa. S’inginocchiò e, armeggiando con le dita, reinserì il cinturino. Quando si rialzò, gettò uno sguardo al marciapiede di fronte e rimase di stucco.

***

Bene, questo è tutto, mi auguro che le mie città vi siano piaciute. Anche se si tratta di descrizioni basate su testimonianze storiche, bisogna infatti metterci un pizzico d'immaginazione! 

Che ne dite, partecipate anche voi al meme di Ariano?



Share:

26 commenti:

  1. Ottima prova, Cristina, ancora una volta. Per la mia partecipazione al meme, considero sufficiente il post con le cinque cartoline. Non avrei molto altro da aggiungere, dato che ne "L'Estate dei Fiori Artici" non ho abbondato con le descrizioni dei luoghi. Mi sono concentrato soprattutto sui personaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Ivano, sei molto gentile! In effetti il post con le cinque cartoline è abbastanza simile. Avrei partecipato volentieri, ma, come avevo già detto, sarebbe stato davvero anacronistico che i miei personaggi mi avessero spedito delle cartoline. Al limite un bel messaggio con la freccia come nello sceneggiato La freccia nera.

      Elimina
  2. Mi ero perso questo meme di Ariano Geta, grazie per avermelo fatto scoprire. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un'ottima occasione per parlare dei propri "luoghi del cuore", un po' come fa il Fai, con la differenza che questi sono letterari. :-)

      Elimina
  3. Le tue città sono formidabili soprattutto grazie al contributo della tua fervida immaginazione. Non partecipo al meme, però apprezzo molto l'iniziativa: un insolito e affascinante modo per coinvolgere il lettore attraverso l'esplorazione di tanti luoghi, esotici o nostrani :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille del tuo commento, Clem. :-) In questi casi l'immaginazione dev'essere a pieno regime, perché è vero che puoi visitare le città, ma nei secoli possono essere molto cambiate e in qualche caso addirittura irriconoscibili. I luoghi di Venezia di cui parlo sono rimasti sostanzialmente uguali, ma Parigi è diversa. Gerusalemme invece mi manca! A presto, e buona domenica.

      Elimina
  4. Sono tentata di partecipare al meme, ma non so ancora se ci riuscirò. Le tue città letterarie mi sono piaciute molto e l'estratto su Gerusalemme mi ha fatto riflettere su quanto le realtà storiche siano fatte di corsi e ricorsi dove purtroppo è sempre l'umanità più debole a soccombere. Belle anche le descrizioni di Venezia e Parigi, traspare molto la tua passione per la storia Cristina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo le situazioni si ripetono sempre con regolarità, e la cosa è parecchio frustrante. Sembra che l'umanità non impari proprio niente, e che tenda a ripetere gli stessi errori. Nelle carneficine soccombono sempre gli inermi, come donne e bambini. Sono comunque contenta che le mie città del passato ti siano piaciute, Giulia! :-)

      Elimina
  5. Una partecipazione gradita e qualitativamente elevata: bellissimi gli estratti dei tuoi romanzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite a te, Ariano, per la proposta. Speriamo che anche altri blogger partecipino con i loro estratti. :-)

      Elimina
  6. Che incanto! Anche a me Gerusalemme manca fisicamente ed è soprattutto una delle tante "impressioni" del tuo romanzo. Venezia è una città a cui sono particolarmente legata, ci ho abitato per cinque anni, e l'ho ritrovata nella spledida e colorata città in cui si muove il carissimo Lorenzo, "pittore degli Angeli". E Parigi...forse Parigi è per eccellenza la città del mio cuore, sia come luogo fisico sia come spazio-tempo letterario e artistico. Anche se il tempo in cui preferibilmente la colloco è un po' successivo al tuo, diciamo a cavallo tra la secoda metà dell'ottocento e i primi decenni del novecento. Comunque sia, è sempre bello sognare con i tuoi post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del bellissimo e articolato commento, Stella. Dalle tue parole ti immagino come una dama di fine Ottocento che emerge dal Romanticismo, ma è già presa nel vortice della modernità. Una po' come una delle signore nei quadri di Giovanni Boldini, che dici? Un caro abbraccio e buon termine di questo fine settimana.

      Elimina
  7. Leggendo la presentazione di queste città fervide di contenuti nel passato che racconti, penso a quanto sia interessante inoltrarsi nella scrittura, coraggiosa, di un romanzo storico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio come prendere una macchina del tempo e fare un viaggio meraviglioso nelle epoche che si sentono più affini. Il vantaggio è che non si sentono gli odori, che dovevano essere notevoli!

      Elimina
  8. Però! *_* Tre città magiche, che negli estratti sembrano essere tratteggiate con competenza e qualcosa in più, che le rende vive e concrete, tra descrizioni e odori che possiamo immaginare.
    L'estratto che mi ha colpito di più, è quello dall'inedito *__*
    I dipinti sono bellissimi, sai già di quello relativo a Parigi XD Proprio non avevo associato:O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Glò! Come ho appena scritto a Luz poco fa, il vantaggio nella lettura è la totale assenza di odori che dovevano essere terribili, tra concerie, venditori di pesci e liquami di ogni genere. Anche le persone non dovevano essere particolarmente pulite...

      Sono contenta che ti sia piaciuto l'inedito in modo particolare. Anche a me piace, ekekek! XD Ho tolto un piccolo pezzo relativo all'allievo Robespierre in quanto non concerneva la città, che è la vera protagonista del meme. E' difficile riconoscere Parigi nel quadro!

      Elimina
  9. Che meraviglia Cristina e che grande capacità hai di ambientare le tue storie in epoche così risalenti! Complimenti, davvero. Il meme di Ariano è interessante, ma io ho ambientato il mio unico romanzo in una città anonima e imprecisata (essendo iscritta in una storia virtuale), però quello che sto scrivendo parte dalla città di Palermo. Magari un giorno ne parlerò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Marina, per il bel commento. Siccome non ho la macchina del tempo, almeno posso viaggiare con la fantasia. :-) Ogni epoca storica poi ha i suoi aspetti esaltanti; più che altro è difficile immedesimarsi in mentalità anche molto diverse dalla nostra. A ogni modo è sempre valido lo slogan del blog La Storia siamo noi!

      Elimina
  10. Non conosco Gerusalemme (purtroppo, fosse per me visiterei tutto il mondo!) ma conosco Venezia e ho un debole per Parigi. Inoltre ho un debole anche per i romanzi storici quindi, ecco, hai vinto tu.
    Le città che hai scelto sono bellissime e gli estratti particolarmente azzeccati per avere uno spaccato sull'ambientazione.
    Penso che sia molto difficile descrivere l'atmosfera che si respira in una città, soprattutto perché per ognuno vogliono dire qualcosa di diverso (soprattutto quando le hai visitate), ed è ancora più difficile se la storia è ambientata in una diversa epoca. Insomma, non posso fare altro che farti i complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sarei sempre con una valigia in mano! Quello che odio però è "fare la valigia" perché tendo sempre a portare oggetti inutili e a dimenticarmi l'essenziale.

      E' vero quello che dici sulla percezione che ognuno di noi ha delle città: magari alcuni luoghi sono carichi di significati affettivi, altri invece sono stati visitati in momenti "no" della nostra vita e quindi li detestiamo. Anche le città dei giorni nostri sono come dei palcoscenici teatrali e possono essere interpretate.

      Ti ringrazio tanto del bel commento che hai scritto, Patty! <3

      Elimina
  11. Ho già il sentore che riuscirai a farmi apprezzare anche la Francia di quel periodo, impresa veramente ardua! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se potessi rendere il mio romanzo con uno slogan sensazionalistico, scriverei:

      Maximilien Robespierre... come non l'avete mai visto.

      ;-)

      Elimina
  12. Avendo scritto tre libri di racconti non ho utilizzato una città fissa (specie quando sono su di un altro pianeta). Però ho scritto un ciclo di racconti ambientato a Torino, magari in un futuro riuscirà a vedere la luce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello! Torino è sempre una città che offre molti spunti. :-)

      Elimina
  13. Che meraviglia! Hai citato due città che adoro: Parigi e Venezia. Cosa posso desiderare di più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellezza, Nick! Sono proprio contenta. Parigi è la mia seconda città, come la Francia è la mia seconda patria. In quanto a Venezia, come si fa a non amarla? A presto su Nocturnia.

      Elimina

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono editor e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

IL MIO ULTIMO LAVORO
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Medicus" di Noah Gordon

Gli ultimi award

Il Franken-meme di Nocturnia