Blog su Letteratura, Storia e Arte in tutte le sue forme.

"La Storia siamo noi."


sabato 5 agosto 2017

INSIEME RACCONTIAMO 23 - Le nozze di Figaro



Sì, sì, lo so che il blog è ufficialmente chiuso, ma non ho resistito alla tentazione di partecipare all'edizione 23 di "Insieme raccontiamo" (qui il regolamento), iniziativa proposta ogni mese sul blog di Patricia Moll. Per chi non lo sapesse, Patricia propone un incipit che i partecipanti completano con la loro fantasia, rimanendo nell'ambito di 300 parole.

Con un incipit come quello che ho letto, che parla di "penna d'oca" e "scrittura piena di svolazzi", come facevo a resistere? Quindi riapro la saracinesca e, sul fil di lana visto che oggi è l'ultimo giorno, pubblico il mio contributo.

L'incipit di Patricia è il seguente:

Aprì la busta e ne estrasse un foglio ingiallito dal tempo. Piccole macchie di inchiostro lo segnavano. Forse era scritta con la penna d'oca. La grafia era decisamente d'altra epoca piena di svolazzi. Bei tempi quelli in cui ci si inviava missive!
Inforcò gli occhiali, lo aprì, sedette e lesse.

e la foto Pixabay è questa:




Ed ecco il racconto completo, con una dedica particolare a Elisabetta Santangelo, e Clementina Daniela Sanguanini che me l'ha fatta incontrare:


Aprì la busta e ne estrasse un foglio ingiallito dal tempo. Piccole macchie di inchiostro lo segnavano. Forse era scritta con la penna d'oca. La grafia era decisamente d'altra epoca piena di svolazzi. Bei tempi quelli in cui ci si inviava missive!
Inforcò gli occhiali, lo aprì, sedette e lesse.

Sorrise nel riconoscere la sua scrittura, infantile e nervosa. Era l’espressione del suo carattere, uno zolfanello pronto a incendiarsi per un nonnulla. Lui era alto e magro, e vestiva perennemente di nero, con i capelli corvini sciolti sulle spalle, gli occhi scintillanti. Possedeva una bellezza bizzarra ed efebica, seducente per uomini e donne.

Solo che era morto. Morto da molti anni.

Tutto era cominciato con un disegno. Il disegno di un fiore tracciato con mano esitante. Le ricordò, poi, di essere stato più abile nell’uso della sua penna acuminata, quella con cui scriveva il suo giornale. Aveva proseguito con brevi messaggi, e quindi lunghe lettere, che le faceva trovare nei luoghi più inaspettati della casa.

Le scriveva di quanto l’aveva amata e, pure, quanti piccoli e grandi tradimenti avesse perpetrato quando lei era stata sua moglie. La rivoluzione, che li aveva macinati come grano, li aveva riavvicinati nell’estrema sofferenza.

Lei intuiva che quella lettera sarebbe stata l’ultima, e la leggeva con avidità mista a malinconia.

In quel mentre, sul davanzale della finestra aperta si posò un uccello. Lei alzò gli occhi: era un grosso uccello marrone dal ciuffo spettinato. Rise: era il più brutto volatile che avesse mai visto. Lui la fissò con l’occhio, rotondo come uva passa, e si mise a cinguettare. E, dall’impianto stereo si levò, soavemente, una musica: era la scena finale de Le Nozze di Figaro di Mozart con la richiesta del perdono.



L’uccello cantò fino alla fine, e Lucile si sentì parte di un momento di pura bellezza.

Sopravvenne il silenzio. Lei disse: “Ti perdono, Camille. Amore mio, io ti perdono.” Come se non avesse atteso altro, l’uccello inclinò la testa e le inviò uno sguardo lucido di gratitudine.

Quindi scomparve nel cielo azzurro, con un frullo d’ali e in una goccia di sole.

Share:

20 commenti:

  1. Non ti smentisci mai cara Cristina: il racconto è splendido e scritto con la consueta eleganza, ma quello che più ammiro in te è la tua fertile immaginazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice che ti sia piaciuto, Nadia. Per quanto riguarda la mia fertile immaginazione, ho attinto dalla realtà ;-) con qualche aggiustatina per far filare meglio il racconto.

      Elimina
  2. Caro povero Desmoulines! Per fortuna il perdono gli ha permesso di abbandonare le misere fattezze di goffo uccello marrone dall'occhio d'uva passa! Ahahah! :D
    Il ciuffetto scompigliato sarà rimasto? ;-)
    Pura poesia questo finale: bravissima, Cristina! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che la metamorfosi gli avrà lasciato degli strascichi! ;) Grazie di aver trovato il tempo di passare e commentare, nonostante il caldo davvero luciferino.

      Elimina
  3. Bellissimo Cristina! Chissà che era quell'uccelletto così brutto ahahahhaahaha Si chiamava forse... Camile????
    Bacio! E grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Pat! Sono contenta di aver acciuffato l'occasione per i capelli, anzi per il ciuffetto! ;) Bacio anche a te, e abbraccio incorporato.

      Elimina
  4. Come unire una ricerca storica a una fantasia letteraria :-)
    In fondo gli spunti di Pat servono a sferzare la nostra creatività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, gli incipit di Pat sono sempre uno stimolo alla nostra immaginazione, come scrivere un racconto su commissione. :)

      Elimina
  5. Wow bellissimo racconto, mi è sembrato di vedere la scena, brava Cristina.
    Mi fai sorridere perché anche tu hai interrotto le ferie del blog con un post estemporaneo, l'ho fatto anch'io...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai! Dopo vado leggere, Giulia... potenza della blogosfera!

      In questo momento sto cambiando le immagini scorrevoli del blog, tranne quella iniziale dell'Arazzo di Bayeux: ero stufa di vedere sempre gli stessi soggetti, ma il trauma nel rinnovamento del blog mi aveva lasciato senza forze per un anno! :)

      Elimina
  6. [img]http://www.francescomorante.it/images_4/212c4.jpg[/img]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SONO RIUSCITA A MODIFICARE LA STRINGA HTML PER POTER INSERIRE LE IMMAGINI NEI COMMENTI!!!

      Elimina
  7. [video]https://www.youtube.com/watch?v=k1BJjFdgT3c[/video]

    RispondiElimina
  8. Alla fine ce l'hai fatta! E con che bella storia: il tocco musicale una chicca perfetta. 🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, alla fine sono riuscita ad arrivare anch'io, anche se un po' col fiatone! Però sono molto contenta di avercela fatta. Grazie mille del commento e a presto. :)

      Elimina
  9. Racconto suggestivo e intenso. Ti sei calata molto bene nei panni della protagonista. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di <3! Chissà come mai tanta immedesimazione, eh? ;)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Politica dei cookie

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato cinque romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ne ho in cantiere uno ambientato nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO:

IL MIO ULTIMO LAVORO:
Ambientato nel 1104, il romanzo narra la fuga dello schiavo Jamil, che, dalle sponde del Marocco, approda ai regni dei Franchi. Nel castello di Montségur s’imbatte una misteriosa compagnia di cavalieri, in viaggio lungo le vie dei pellegrinaggi cristiani. La sua magnifica avventura è solo all’inizio.

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!

IL PITTORE DEGLI ANGELI: su Amazon in versione cartacea e ebook!
Romanzo storico ambientato nella fulgida e sontuosa Venezia di fine 1500. Uno dei protagonisti è il vecchio e spregiudicato pittore Tiziano Vecellio, pronto a difendere fama e ricchezza. Ma lo attende un incontro sconvolgente: quello con "il pittore degli angeli". La sua vita non sarà più la stessa.

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!

THE PAINTER OF ANGELS: now on Amazon, paper and ebook version!
Venice, late spring of 1560. In his studio, the old Venetian painter Tiziano is waiting for the visit of the “painter of angels”, a mysterious artist just arrived in Venice. Tiziano senses a foreboding danger to his position, fame and standing. In fact, the arrival of the artist does upset both the professional and private life of Tiziano. And the struggle has just begun.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Visualizzazioni totali

Top 7 Commentatori

Post più popolari

Che cosa sto leggendo

Che cosa sto leggendo
"Tre croci" di Federigo Tozzi